NEWS

Alisea e Wråd portano a teatro una Xbag tutta da scoprire: la G_Bag

Da un DNA fatto di valori e visione condivisi, nascono progetti con obiettivi comuni: prodotti che mirano a ridurre l’impatto ambientale e sociale, attraverso cicli produttivi innovativi di economia circolare.

Questo è ciò che è avvenuto grazie alla collaborazione tra Susanna Martucci, founder e CEO di Alisea e Perpetua e Matteo Ward, co-founder del purpose-brand WRÅD. Nella quarta edizione del TEDxVicenza – from ME to WE – Alisea, Perpetua e WRÅD hanno mostrato cosa può nascere dalla volontà di continuare ad innovarsi e dalla capacità di agire sinergicamente. Quest’anno, infatti, ad attendere gli spettatori al Teatro Comunale di Vicenza, c’era G_Bag.

G_Bag è una monotracolla in denim Kitotex con trattamento g_pwdr technology by Alisea. g_pwdr technology è un inedito ed innovativo processo di trattamento per la tintura che utilizza come pigmento polvere di grafite recuperata dai processi di produzione industriale, la stessa di Perpetua la matita.

Rispetto alle tecniche attualmente in uso, g_pwdr technology permette di:

  • ridurre il consumo d’acqua del 90%
  • ridurre lo spreco di energia elettrica del 47%
  • non utilizzare additivi e pigmenti chimici;

Il tessuto trattato con g_pdwr si caratterizza per:

  • il punto di grigio unico e non ottenibile con alcun sistema di tintura chimica.
  • la morbidezza, ottenuta senza l’utilizzo di ammorbidenti. La grafite infatti è un materiale lubrificante e questo consente di rendere morbido il tessuto senza l’utilizzo di additivi chimici.
  • una mano unica, non replicabile, dovuta alle caratteristiche abrasive proprie della polvere di grafite.

Questa tecnologia produttiva offre un’alternativa innovativa e concreta per il trattamento nella tintura dei tessuti in quanto recupera e ricicla polvere di grafite che altrimenti sarebbe finita in discarica.

g_pwdr® è un brevetto di processo produttivo pensato da Alisea per permettere alla start up di moda WRÅD di entrare sul mercato con un prodotto inedito e dall’alta funzionalità sociale e ambientale.

G_Bag, dove “G” sta per grafite, veicola un messaggio importante condiviso dal team e dagli speaker di TEDxVicenza 2018: le idee possono diventare realtà, passando da visione a cambiamento, attraverso la capacità di condividere e contaminarsi.

G_Bag for TEDxVicenza – We had to invent it.

Leggi
Alvise BortolatoAlisea e Wråd portano a teatro una Xbag tutta da scoprire: la G_Bag

ANCHE L’INQUINAMENTO AMBIENTALE È RESPONSABILE DELLE MALFORMAZIONI GENETICHE: SURGERY FOR CHILDREN E PERPETUA LA MATITA SCENDONO IN CAMPO ASSIEME

L’incontro tra Susanna Martucci – CEO e Founder di Alisea e Perpetua – e Sergio D’Agostino – medico chirurgo della onlus Surgery for Children – grazie a Confartigianato Vicenza darà il via ad un nuovo progetto per affrontare un nemico comune.

 

“Sono da sempre convinta che persone che fanno lavori diversi e anche distanti, se hanno valori comuni, quando si incontrano si riconoscono e da questi incontri possono nascere nuove storie. È successo al teatro di Lonigo di Vicenza qualche settimana fa. Una giornata emozionante, a tratti commovente, durante la quale sono stati premiati imprenditori che hanno saputo, attraverso il duro lavoro, costruire storie di successo. Nell’era dell’economia digitale, sapere che con il sudore e le mani sono state create aziende eccellenti mi ha emozionato, ci ha emozionato. A fine cerimonia, dopo che ognuno di noi ha avuto modo di raccontare alla platea il proprio lavoro, abbiamo capito che avevamo qualcosa in comune, qualcosa da dirci. Io volevo condividere con qualcuno l’idea che cullavo da tempo: trovare un canale sicuro per inviare le mie matite ‘Perpetua’ a bambini sparsi nel mondo che, per le loro condizioni di vita, trovano difficile reperire un semplice strumento di scrittura. Ho conosciuto in questa occasione il dottor Sergio D’Agostino, medico chirurgo fondatore di “Surgery for Children”, associazione di volontariato nata con l’intento di operare le malformazioni infantili nei paesi a basso e medio sviluppo. Negli anni la loro attività si è orientata verso una visione più ampia e costruttiva dell’azione in questi paesi attraverso la formazione e aggiornamento del personale locale, ma soprattutto nello studio e approfondimento dei fattori di rischio che portano alle malformazioni congenite.

Il dottor D’Agostino, invece, ha voluto condividere con me una cosa sconosciuta ai più e che, dopo 25 anni trascorsi a operare bambini nei più remoti paesi del mondo, a lui era ormai chiara: è l’interazione tra inquinamento ambientale e fattori genetici la causa di circa l’80% delle malformazioni genetiche alla nascita. Per questo il dottor D’Agostino e la sua associazione si interrogano quotidianamente su come riuscire a comunicare alle persone ciò che per loro è ormai una triste realtà. La storia di Perpetua è stata riconosciuta come uno strumento, un messaggero, che attraverso i valori che rappresenta può aiutarlo a veicolare, in modo semplice, un messaggio però importante: l’attenzione all’ambiente, il non inquinare la Terra che abitiamo può aiutare a migliorare in modo sensibile la qualità della salute sia dei bambini che degli adulti. Sono grata a Surgery for Children per come mi ha fatto sentire una persona utile e al tempo stesso orgogliosa del proprio lavoro“

Susanna Martucci Fortuna

 

 

Due realtà, provenienti da ambiti estremamente diversi ma egualmente sensibili, si riconoscono sul piano dei valori e uniscono le forze per divulgare il gravissimo problema dell’inquinamento ambientale nei Paesi poveri e sottosviluppati e le conseguenze che ci possono essere per la salute delle persone. Due realtà che vogliono essere parte attiva nel cambiamento, per affrontare e risolvere le sfide future.

Leggi
Alvise BortolatoANCHE L’INQUINAMENTO AMBIENTALE È RESPONSABILE DELLE MALFORMAZIONI GENETICHE: SURGERY FOR CHILDREN E PERPETUA LA MATITA SCENDONO IN CAMPO ASSIEME

LA STORIA DI ALISEA TRA LE 100 SCELTE DA ENEL E FONDAZIONE SYMBOLA PER RACCONTARE CHI FA ECONOMIA CIRCOLARE IN ITALIA

Enel e Fondazione Symbola presentano “100 Italian Circular Economy Stories”. Un libro in cui 100 storie ci fanno scoprire come il nostro Paese sia insospettabilmente all’avanguardia su temi cruciali come la sostenibilità ambientale, la gestione delle scarsità delle risorse e il contrasto ai cambiamenti climatici.

“Queste cento storie ci raccontano di un’Italia che fa l’Italia e innova senza perdere la propria anima; ci parlano di un modello di economia e società più sostenibile e competitivo, più equo, che potrebbe rappresentare la risposta italiana alle questioni scottanti che il presente e il futuro pongono al Pianeta”.

 

Ermete Realacci, Presidente Fondazione Symbola

 

Per tutto il Team ALISEA, PERPETUA, G_PWDR Technology è un onore essere parte di questo progetto e contribuire attivamente diffusione e crescita dell’economia circolare italiana.

Leggi
Alvise BortolatoLA STORIA DI ALISEA TRA LE 100 SCELTE DA ENEL E FONDAZIONE SYMBOLA PER RACCONTARE CHI FA ECONOMIA CIRCOLARE IN ITALIA
Graziano MignaniNEWS